V.G. , 71 anni, in anamnesi remota malattia GERD, isteroannessectomia VL, emitiroidectomia e sindrome ansioso-depressiva.

La paziente, per la nota malattia da reflusso, eseguiva un EGDS di controllo che documentava sul versante anteriore del corpo distale dello stomaco, una formazione sottomucosa rivestita da mucosa liscia. L’ EUS descriveva una massa sottomucosa ipoecogena di 5 cm, in continuità con la muscolare propria. La TC torace addome mostrava una voluminosa formazione polipoide ovalare sottomucosa vascolarizzata di 56x41 cm (LLxAP), aggettante nel lume viscerale con larga base di impianto sulla parete antero-superiore dell’angulus gastrico, con caratteristiche sospette di GIST.

In data 28/07/2016 la paziente è stata sottoposta ad intervento chirurgico combinato laparoscopico/endoscopico: dopo l’induzione dello pneumoperitoneo, a livello dell’antro gastrico si evidenziava la voluminosa lesione senza componente esofitica. Si esplorava la cavità gastrica mediante endoscopia e si procedeva a mucosectomia circonferenziale con tatuaggio e sulla guida del tatuaggio endoscopico si eseguiva exeresi completa della lesione che veniva successivamente asportata da accesso ombelicale. La breccia gastrica veniva chiusa con 5 punti di repere al di sotto dei quali si eseguiva sutura mediante endogia.

Il decorso post-operatorio è stato regolare. La paziente ha ripreso l’alimentazione con dieta liquida in II giornata ed è stata dimessa in V. Il  follow-up a tre mesi è regolare.


Caso 9 - Allegato