Cancro gastrico e Cancro della mammella: diagnosi e trattamento della malattia sistemica

Cipollari Chiara*, Bencivenga Maria*, Di Cosmo Mariantonietta, Giacopuzzi Simone, de Manzoni Giovanni.

Chirurgia Generale ed Esofago e Stomaco.  A.O.U.I Verona, Ospedale Civile Borgo Trento

*Medici in formazione specialistica

 

Paziente di 45 anni, con pregresso carcinoma mammario in follow-up e terapia ormonale.

Per dispepsia esegue un’esofago-gastro-duodenoscopia che rilevava: numerosissime aree pseudopolipoidi, subcentimetriche, (biopsie: adenocarcinoma gastrico scarsamente differenziato). Alla TC stadiazione multiple metastasi ossee, linfoadenopatie paraortiche addominali, mediastiniche ed ascellari bilateralmente. In concomitanza con l’inizio della chemioterapia multiple metastasi epatiche.

Buone condizioni generali, buona risposta alla terapia sulle metastasi epatiche, stabilità delle lesioni ossee per circa un anno.

Comparsa di linfadenopatia ascellare controlaterale, positiva per cellule neoplastiche all’agobiopsia. Mastectomia con linfadenectomia ascellare: carcinoma primitivo mammario lobulare pleomorfo.


Effettua l'accesso per leggere il contenuto completo.

Ricordiamo che l'accesso è riservato ai soli soci